"Parlare di" narco-governo "non è solo ipocrita, è completamente falso" (Juan Grillo, direttore dell'Ufficio nazionale antidroga del Venezuela)


                                                                   Il Generale di Divisione e Direttore dell'ONA, Juan Grillo


L'accusa mediatica di collusione tra il governo venezuelano e il traffico di droga non è nuova. Il 19 gennaio 2008, il Direttore USA del National Drug Control Policy, John Walters, ha accusato l'ex presidente venezuelano Hugo Chávez di essere "un facilitatore del traffico di droga". Anni dopo, questa matrice è stata ripresa dal sistema dei media mainstream per creare l'immagine del Venezuela come stato canaglia. Tuttavia, nel loro desiderio di propaganda anti-bolivariana, nessuno dei media si è preso la briga di ascoltare gli attori della lotta anti-droga in Venezuela. 


Siamo andati a intervistare il Gen. Juan Grillo, Direttore del National Anti-Drug Office (ONA) del Venezuela. Il Gen. Grillo ci presenta in esclusiva la realtà della lotta quotidiana contro questo flagello. Ci offre un altro punto di vista, sempre ignorato dai media internazionali.



Romain Migus: Perché, l'8 agosto 2005, il governo bolivariano del Venezuela decide di rompere gli accordi con l'Agenzia della Drug Enforcement Administration (DEA)?

Juan Grillo: Quando è nata l'Agenzia Nazionale Antidroga (ONA), si manifestò il bisogno e poi maturò la decisione da parte del nostro attuale comandante in capo e del comandante supremo, Hugo Chavez, di annullare gli accordi con la DEA. Devi sapere che in questo stesso edificio c'era una sorta di ambasciata statunitense parallela. Nessuno aveva accesso. Usando il pretesto della "lotta contro il traffico internazionale di droga", stavano usando i dispositivi per intercettare telefonate, registrare e ascoltare quello che facevamo. Quello che avrebbero dovuto usare per la lotta contro la droga, lo usavano contro la politica interna del Venezuela. Quando il comandante Hugo Chávez decise di annullare gli accordi con la DEA, iniziammo a camminare con le nostre gambe nella politica antidroga. Fino a quel momento, come in tutta l'America Latina, abbiamo risposto agli interessi strategici dei paesi egemoni, Stati Uniti ed Europa. Il nostro unico ruolo era solo quello di convertirci in una barriera per impedire alla droga di raggiungere quelle destinazioni. Non era contemplata la salvaguardia della sovranità di un confine lungo 2.200 km che condividiamo con il più grande produttore di cocaina al mondo, cioè la Colombia. Uno dei nostri obiettivi, a partire da quella data, fu quello di impedire che la droga dalla Colombia entrasse nel nostro territorio, e soprattutto che rimanesse qui. Non produciamo droghe. Siamo riconosciuti dall'ONU come un paese libero dalla produzione di piantagioni e coltivazioni di droga.


Con la DEA, abbiamo avuto un sequestro medio di 34 tonnellate all'anno. Senza la DEA, in 13 anni, manteniamo un sequestro medio di 51 tonnellate all'anno. Dal 2005, abbiamo sequestrato 639 tonnellate di droghe. Lungi dall'essere stati danneggiati dalla sospensione di questi accordi con la DEA, siamo molto più efficaci ed efficienti non solo dal punto di vista della cooperazione internazionale nella lotta contro la droga, ma stiamo rispondendo ai nostri stessi interessi prevenendo il traffico di droga e il consumo in Venezuela. Dalle cifre, è evidente che gli Stati Uniti hanno usato il pretesto della lotta antidroga per spiare la nostra politica interna, come aveva denunciato allora il Comandante Chávez. Hanno anche usato il nostro territorio per il traffico di stupefacenti, perché senza di loro abbiamo raddoppiato i sequestri.



RM: Qual è la strategia di ONA in termini di prevenzione?

JG: Il problema mondiale della droga è nella produzione, nel commercio illecito ma anche nel consumo. Gli Stati Uniti non guardano quest'ultimo punto. Sono il paese che consuma di più. Lottiamo contro il traffico internazionale di droga, con la cooperazione internazionale. Ma anche il nostro piano nazionale antidroga, lanciato dal nostro comandante in capo e presidente del Venezuela, Nicolás Maduro, fa parte della programma Gran Mision Cuadrantes de Paz
.Si tratta di aree di dimensione tra i 2,5 e i 5 km2 all'interno delle comunità dove svolgiamo la nostra politica pubblica di prevenzione e costruzione della pace, dove manteniamo una presenza di polizia e attività di prevenzione con altre istituzioni che operano nell'ambito sportivo, culturale, scolastico, sanitario. 


Con questo piano, impediamo ai nostri giovani di cadere nel mondo nefasto del consumo di droga. Attraverso il nostro osservatorio sulle droghe, diamo la priorità anche ad alcuni quadranti più inclini al micro-traffico. Con questo strumento, possiamo avere una conoscenza geografica di dove si trovano i nodi più problematici.



RM: Come agite nella repressione del crimine?

JG: Non usiamo la parola repressione, preferiamo parlare del nostro lavoro reattivo. Abbiamo fatto 119,605 arresti per reati di droga dal 2006. Ma abbiamo dato molti colpi duri al traffico internazionale di stupefacenti, che si propone di utilizzare la nostra terra, il nostro mare, il nostro spazio aereo come luogo per la comunicazione tra il principale produttore di cocaina nel mondo, la Colombia, e i principali consumatori, gli Stati Uniti e l'Europa. Avendo 2.200km di confine con la Colombia, dove il governo di questo paese non esercita nemmeno la sua sovranità sul suo territorio, dobbiamo implementare molti controlli. Oltre ai controlli a terra, abbiamo il controllo del nostro spazio aereo grazie alla collaborazione del sistema di difesa antiaerea delle forze armate venezuelane e il sostegno dell'Istituto nazionale dell'aviazione civile. 


Siamo lontani dagli anni '80, anni in cui la Colombia di Álvaro Uribe ha concesso i permessi di volo, con il beneplacito della Direzione dell'Aviazione Civile, al cartello di Pablo Escobar. Stiamo distruggendo tutte le piste clandestine. Il nostro vasto territorio, in particolare sulla pianura, si presta alla costruzione di queste piste clandestine, ma le stiamo disattivando e distruggendole. Inoltre, abbiamo recuperato 47 piccoli aerei utilizzati per il traffico di droga e ne abbiamo disabilitati più di 139. Così come abbiamo distrutto 317 laboratori di produzione di droghe.



RM: Che tipo di accordi internazionali ha firmato il Venezuela nella lotta contro la droga e con chi?

JG: Abbiamo firmato 53 accordi con 39 paesi, oltre agli accordi con le Nazioni Unite e l'Unione Europea nell'ambito del forum Celac-EU. Manteniamo un normale flusso di lavoro con i nostri colleghi internazionali. Questa cooperazione internazionale si riflette nei nostri risultati. Abbiamo catturato 152 signori della droga che erano ricercati a livello internazionale. Di questi, 79 sono stati estradati e 40 sono in corso di estradizione. Questi 119 narcotrafficanti hanno cercato di nascondersi  in Venezuela sotto false identità. Non hanno commesso crimini nel nostro paese. Noi, in cooperazione con le diverse polizie dell'America Latina o di livello internazionale, li arrestiamo e li deportiamo, principalmente in Europa, negli Stati Uniti e in Colombia. Queste cifre non hanno nulla a che vedere con le migliaia di arresti che facciamo ogni anno.


In questo caso parliamo di signori della droga, identificati grazie al lavoro congiunto che abbiamo con le polizie europee, del Sud America, dell'America centrale. In realtà, l'unica polizia con cui abbiamo rotto tutti i tipi di comunicazione è la DEA, e con coloro che cercano di imporre la loro politica nel nostro paese. Inoltre, inviamo i nostri risultati e cifre ai nostri agenti di polizia nelle nostre ambasciate per informare i loro omologhi nel paese in cui si trovano. Allo stesso modo, informiamo permanentemente i funzionari di polizia nelle ambasciate presenti nel nostro paese. Il lavoro dell'ONA è noto ai loro governi, ma non ne parlano mai.



RM: Come spiega questa matrice dei media sull'esistenza di un "narco-governo" in Venezuela?

JG: La creazione dell'Ufficio nazionale antidroga in Venezuela risponde ai nostri interessi strategici. In molti paesi, la questione della droga è solo una questione di polizia. Noi elaboriamo una politica e una strategia integrale nella lotta contro la droga, in coordinamento con altre entità. Tutto ciò che ha a che fare con la lotta anti-droga è supervisionato dall'ONA. Abbiamo realizzato l'installazione di circuiti giudiziari speciali sulla questione antidroga. Ci sono pubblici ministeri nazionali esclusivamente dedicati al problema della droga.

Con i nostri accordi internazionali, teniamo aggiornati tutti su questo problema e coordiniamo le nostre politiche antidroga. È una grande bugia dire che il Venezuela è isolato in questa lotta. Parlare di "narco-governo" non è solo ipocrita, è completamente falso. Il rapporto delle Nazioni Unite sulle droghe indica che la produzione di droga è aumentata in Colombia, o che le superdosi stanno aumentando negli Stati Uniti. Quando si riferiscono al Venezuela, non possono menzionare queste cifre negative.
 Questa matrice risponde esclusivamente ad una guerra non convenzionale e multiforme contro il Venezuela. Sono false notizie il cui obiettivo è quello di montare un file negativo per costruire l'immagine mediatica di uno stato fallito o fuorilegge in Venezuela. L'obiettivo è essere in grado di ri-influenzare le nostre politiche sovrane o, peggio ancora, giustificare un'invasione. Gli Stati Uniti stanno lavorando alla costruzione di questo file da quando la Rivoluzione Bolivariana ha deciso che il nostro paese è sovrano e indipendente, e non deve seguire le politiche ordinate dall'impero.

RM: quante interviste con i media internazionali hai avuto da quando hai assunto la direzione dell'ONA?

JG: Attraverso il nostro database della stampa, organizziamo molte conferenze per informare i media internazionali sui nostri risultati. I giornalisti internazionali partecipano, ma ma le nostre informazioni non hanno grande visibilità.

RM: E quanti media internazionali hanno chiesto un'intervista come quella che stiamo facendo per pubblicizzare la strategia integrale dell'ONA?

JG: Telesur, RT ... e tu.